Divisione Lavori Marittimi E-mail

sfoglia.jpg Sfoglia: Company profile - Settore marittimo

 

sfoglia.jpg Sfoglia: I cassoni cellulari

 

A partire dagli anni Trenta, la Divisione Marittima è stata pioniera nella costruzione dei cassoni cellulari in cemento armato in larga scala, affermando nel tempo il suo primato in questo particolare settore (2300 cassoni costruiti ad oggi).
L’abilità e il “know-how” nella costruzione dei cassoni, sia circolari che cellulari, realizzati su impianti fissi o galleggianti, sono chiaramente rappresentati in importanti progetti in Italia (Genova, Livorno, Civitavecchia, Napoli, Palermo, Taranto, Brindisi, Bari, Venezia, Monfalcone, etc.), e nel Mare Mediterraneo (Fontvieille nel Principato di Monaco, Barcellona e Pasajes in Spagna, Marsa El Brega in Libia, Porto Industriale di Jen-Jen in Algeria).

Come parte della “joint venture” Condotte - Grandi Lavori Fincosit S.p.A. – Dragomar S.p.A., aggiudicataria dei lavori per la realizzazione del porto di Ras Laffan (Qatar) per l’esportazione del gas naturale liquefatto per la Qatar General Petroleum Corporation (QGPC), la Divisione Marittima della GLF è stata responsabile dell’intera progettazione (dal piano generale fino al progetto esecutivo), della costruzione di tutte le banchine e dei moli (per GNL e prodotti liquidi; Ro-Ro/carichi pesanti, approdo rimorchiatori, dry cargo, container e di servizio), della produzione di tutto il calcestruzzo per il progetto e dei frangiflutti (in particolare per la prefabbricazione di tutti i massi artificiali in calcestruzzo Antifer).
Sempre in Qatar il settore marittimo ha progettato e realizzato con successo in tempi ristretti la banchina Qafac per Methanol/MTBE a Mesaieed, e costruito il relativo impianto opera di presa e scarico a mare.

GLF, come membro del Consorzio Venezia Nuova, partecipa inoltre attivamente ai lavori in corso per la salvaguardia della città di Venezia dalle acque alte.
Nel marzo 2006 la GLF ha sottoscritto con il Consorzio Venezia Nuova un Atto di Impegno per la propria quota parte di opere relative al progetto “MOSE” di importo pari a circa 632 milioni di euro.
Completano l’impegno della Società nell’area veneziana numerose altre opere di salvaguardia delle isole lagunari, tra cui citiamo per tutte i complessi lavori di difesa dell’isola di S. Erasmo (in parte eseguiti tramite il Consorzio Bocca di Lido), la riqualificazione dei litorali di Cavallino e Iesolo (ancora tramite il Consorzio Bocca di Lido) e il recupero statico e architettonico dell’isola del Lazzaretto Vecchio.

Merita menzione anche il fatto che la nostra Società è impegnata negli importanti interventi di bonifica ambientale nel porto industriale di Marghera eseguiti tramite la Società consortile “T.S.I. 1” (alla quale partecipa per il 90% delle quote) e nei prestigiosi lavori di difesa dell’insula di S. Marco a Venezia (tramite la Società consortile “Granda” di cui detiene il 70% delle quote).
Infine, a ulteriore conferma delle grandi potenzialità della Società, sottolineiamo che il Raggruppamento temporaneo composto da Maersk – Grandi Lavori Fincosit S.p.A. e Technital S.p.A. si è recentemente aggiudicato l’affidamento della concessione di progettazione, costruzione e gestione della piattaforma multifunzionale nel porto di Vado Ligure (Savona) e ha sottoscritto la relativa Convenzione con l’Autorità portuale di Savona il 21.02.2008.


In tale progetto GLF, in qualità di affidataria della costruzione, sarà impegnata nell’esecuzione di lavori per circa 335 milioni di euro.
Tra le maggiori opere realizzate e in corso di realizzazione ricordiamo:


•    MOSE: Interventi volti alla salvaguardia di Venezia dal fenomeno delle maree e dell’acqua alta (tuttora in corso di realizzazione);
•    Project Financing relativo alla progettazione, costruzione e gestione della nuova piastra logistica del porto di Taranto in cui la Grandi Lavori Fincosit S.p.A. partecipa come Socio costruttore al fianco della Itinera S.p.A. (al momento in fase di progettazione);
•    Porto di Ras Laffan (Qatar): realizzazione del porto e del complesso per il trattamento di idrocarburi – si tratta del porto gasifero più grande del mondo -. La struttura portuale, infatti, si protende in mare per circa 3 Km, con due dighe di protezione rispettivamente lunghe 5 Km. e 6,1 Km. La commessa è stata terminata nel 1996 per un valore complessivo di oltre 950 milioni di dollari;
•    Porto di Umm-Said (Qatar), presa d’acqua;
•    Porto di Jen Jen (Algeria) con la costruzione in cassoni cellulari di banchine per una lunghezza totale di circa 2.400 metri;
•    Lavori nel Porto di Genova (a partire dal 1906 sino ad oggi, tra i quali la realizzazione della Diga di protezione e della nuova banchina di Cornigliano) unitamente alla costruzione di numerosi bacini di carenaggio di notevoli dimensioni;
•    Bacini di carenaggio a Livorno, Monfalcone e Marghera;
•    Importanti progetti in Italia (Genova, Livorno, Civitavecchia, Napoli, Palermo, Taranto, Brindisi, Bari, Venezia, Monfalcone etc.) con la costruzione di banchine, moli e frangiflutti;
•    Diga di contenimento e creazione di 29 ettari di superficie di riempimento per la realizzazione del nuovo quartiere Fontvieille a Montecarlo – Principato di Monaco – e creazione di due porticcioli;
•    Porti turistici di:
Genova, La Spezia, Porto Torres, Alassio, Porto San Giorgio, Palermo e Roma - Ostia.